Home | Notizie | Iniziative | Newsletter | Valli del Mincio ( The Mincio Valleys ) | Cerca nel sito | Contatti
Menu

Pagina facebook
Amici del Mincio

Amici del Mincio - Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su iniziative e notizie dalle Valli del Mincio.

Iscriviti adesso!


Online
Abbiamo 0 utenti iscritti in linea.

Non siete registrati?
Potete farlo con un click qui.

Login
 



 


Registrazione

Recupero pwd smarrita.



La Riserva Naturale «Valli del Mincio»

Cenni storici / La formazione della palude


Quella che è ora la Valle del Mincio, anticamente era una fertile prateria di proprietà dei domini di Rivalta, una illustre casata della corte canossiana che traeva il nome, appunto, dal luogo dei propri interessi.

Valli del Mincio dall'altoNel 1188 venne affidato all'ingegnere idraulico Alberto Pitentino l'incarico di regolare le acque intorno alla città di Mantova; egli costruì una possente diga/ponte, denominata in seguito "Ponte dei Mulini", che collegava Mantova alla cittadella di Porto. Si formò così un ampio specchio d'acqua a monte della città (Lago Superiore) e la prateria di Rivalta venne sommersa dalle acque, impaludandosi poi con il passar dei secoli.

L'ambiente così costituitosi rappresentò per le popolazioni rivierasche fonte di sostentamento e di guadagno; i canali, aperti per accedere ai luoghi di pesca e di caccia (i cosiddetti giochi), servivano allo stesso tempo per raggiungere le aree di coltivazione della canna o del carice. Si è andato così formando nel tempo un ambiente diversificato e particolare, in equilibrio tra le attività dell'uomo e della natura.

Dagli anni '60 del novecento l'importanza economica di queste attività è andata diminuendo sempre più, incentivando la trasformazione ad uso agricolo dei canneti e dei cariceti. Dal 1984, anno di istituzione della Riserva, si è cercato di frenare la bonifica del territorio avviando programmi di conservazione e tutela dell'ambiente naturale.


Il personaggio storico più famoso legato a Rivalta sul Mincio è senza dubbio Matilde di Canossa: a Rivalta, attorno al 1100, sorgeva una possente fortezza imperiale presidiata dagli uomini fedeli a Matilde. La costruzione fu distrutta nel 1114 dalle milizie mantovane, appresa la notizia, poi rivelatasi falsa, della morte della gran contessa. Nel luogo dove si trovava la fortezza sorge attualmente la chiesa parrocchiale settecentesca, dedicata al Santi Patroni Donato e Vigilio.

Il nome Rivalta deriva da "Ripa Alta" ad indicare che il paese si trova ad una quota altimetrica superiore a quella di Mantova.



 

Torna all'elenco delle schede sulle "Valli del Mincio"


(14953 letture | Invia)



Gli Amici del Mincio sono la sezione ambiente della Pro Loco Rivalta (Mantova) - Crediti e disclaimer - RSS notizie
Se non diversamente specificato testi, fotografie e altri contenuti sono Copyright © 2005-2015 Pro Loco Rivalta

Privacy Policy

hosting and web design by marcomunari.it